fbpx

Mantenere la giusta umidità in casa per una temperatura ideale!

Ott 30, 2020 | Consigli

Molte volte ci si concentra nel cerare la temperatura perfetta da tenere in casa ma si sottovaluta un aspetto importante: umidità in casa.

L’umidità in casa, anche se nella convinzione comune è un fattore negativo, è molto importante ed è uno degli elementi che incide maggiormente sulla sensazione di caldo e freddo. Approfondiamo l’argomento per cercare di capire quale è la giusta umidità da tenere in casa, come misurarla e come mantenerla.

umidità ideale in casa

umidità ideale in casa: quali valori?

Iniziamo subito con il dire che l’umidità ideale da tenere in casa deve essere compresa in una percentuale che va dal 40 al 60%.

Se il tasso di umidità in casa scende sotto il 40%, la temperatura è troppo secca e può provocare danni alla salute delle persone che vivono nell’ambiente. Al contrario, una percentuale di umidità in casa sopra il 60% è dannosa per l’appartamento in quanto può provocare condense e muffe.

Per avere comfort percettivo e benessere fisico, l’umidità ideale in casa con 20 gradi deve essere del 50%.

Ovviamente non tutte le stanze della casa sono uguali. Si pensi ad esempio ad un bagno o ad una cucina, normalmente in questi due ambienti il livello di umidità tende sempre ad essere un po’ più alto. Se il tasso di umidità supera la percentuale consigliata del 60% solo temporaneamente, non vi sono rischi. Resta comunque sempre consigliato arieggiare la stanza dopo aver cucinato, o dopo essere usciti dalla doccia, per far uscire il vapore acqueo.

L’umidità corretta in casa, infine, dipende anche dalla stagione in cui ci si trova. In inverno l’umidità in casa è più bassa a causa dei riscaldamenti accesi mentre d’estate l’impatto tra l’aria calda esterna e quella interna farà aumentare il tasso.

Tasso di umidità in casa troppo basso: i rischi per la persona e la casa

Un tasso di umidità in casa troppo basso, in particolare al di sotto della soglia del 40% rende l’aria troppo secca. In questo habitat possono insorgere problemi all’apparato respiratorio delle persone che ci vivono (tosse, raffreddore, influenza, ecc). Oltre alla secchezza delle mucose e delle vie respiratorie, nelle persone soggette ad asma e allergie la situazione tende ad aggravarsi ancora di più. Una bassa umidità provoca anche la comparsa e il fiorire di batteri e virus.

Percentuale umidità in casa alta: gli effetti che provoca

Un livello di umidità costantemente alto aumenta il rischio di formazione di muffa, pollini e acari. Oltre alla formazione di muffe e condense sulle zone più esposte della casa, si possono avere dei disagi nella circolazione sanguinea e nella qualità del sonno.

umidità ideale in casa

Quanto incide l’umidità sulla temperatura?

Monitorare il livello di umidità è fondamentale per garantire un clima confortevole in casa. Infatti, l’umidità incide sulla temperatura più di quanto si possa immaginare. In inverno, l’aria riscaldata emanata dai termosifoni, o da altri sistemi di riscaldamento, incrementa l’evaporazione della pelle, che tende a seccarsi, e ad aumentare la sensazione di “freddo”. D’estate l’eccessiva umidità blocca l’evaporazione e la sudorazione della pelle generando una sensazione di calore estremo.

Per riassumere, una temperatura giusta può essere percepita anche due/ tre gradi in meno, o in più, qualora l’umidità non è quella corretta.

Come misurare umidità in casa?

Misurare l’umidità in casa è semplice, basta un igrometro. Si tratta di uno strumento che è in grado di misurare l’umidità relativa interna all’abitazione. Ne esistono di diverse tipologie, oggi per lo più sono digitali ed hanno dei costi contenuti. Il termometro ambientale e l’igrometro sono indispensabili per monitorare l’umidità e la temperatura interna al fine di migliorare le condizioni di vita e la salute della famiglia prevenendo raffreddori, pelle secca, asma, allergie e muffe.

Ridurre o eliminare l’umidità in casa in poche mosse

Per risolvere il problema dell’umidità in casa, abbassandone il tasso, possiamo seguire 3 semplici mosse:

  • Arieggiare frequentemente e costantemente: lasciare arieggiare le stanze della casa per circa 15-20 minuti almeno 3 volte al giorno;
  • Utilizzare un deumidificatore: nelle stanze in cui si avverte il problema più insistentemente si può utilizzare un deumidificatore che toglie l’umidità in eccesso;
  • Il Sale asciuga: un rimedio tradizionale, ma sempre efficace, per ridurre la quantità di vapore acqueo nella stanza, è quello di posizionare dei contenitori con del sale all’interno che avranno la funzione di assorbire le particelle acquose presenti nell’aria.
  • Ventilazione meccanica controllata: se il problema è di maggior portata, e gli atteggiamenti appena descritti non migliorano la situazione, la soluzione è installare un sistema di ventilazione meccanica con controllo umidità.

Aria secca? I segreti per umidificare l’ambiente

Se in casa l’aria inizia ad essere troppo secca, e in inverno si percepisce più freddo di quello reale, vi consigliamo 3 abitudini:

  • Trattenere il vapore acqueo che si forma in bagno e in cucina: aprite le porte e fatelo fluire nel resto della casa;
  • Le piante sono vostre amiche: tenere delle piante d’appartamento è molto utile per ripristinare i livelli di umidità in casa;
  • Asciugare i panni in casa: potrebbe sembrare una scocciatura ma in questo modo si può unire l’utile al necessario;
  • Utilizza gli umidificatori: che siano moderni e tecnologici, oppure i classici umidificatori in ceramica da appendere ai termosifoni, poco importa, sono entrambi sistemi validi per ripristinare umidità giusta in casa e la giusta temperatura interna alla casa.

Migliora il tuo benessere abitativo!

Contattaci

Contattaci senza impegno

Qualsiasi sia la tua esigenza contattaci senza impegno. Sopralluoghi e preventivi sono gratuiti.