fbpx

Riscaldamento Elettrico: tutto quello che c’è da sapere

Nov 14, 2022 | Impianti

temperatura acqua termosifoni

Cos’è e quanto consuma il riscaldamento elettrico?

Il riscaldamento elettrico consiste in una soluzione perfettamente adeguata alle persone che non intendono acquistare soluzioni di riscaldamento che fungono tramite il gas metano o costituite dalla canna fumaria.
Questa scelta viene effettuata soprattutto da chi tiene particolarmente all’ambiente e al contempo ai risparmi economici. Uno dei principali vantaggi del riscaldamento elettrico, infatti, consiste nel risparmiare per lunghi periodi sulla bolletta e al contempo avere il comfort desiderato.
I sistemi di riscaldamento elettrico sono costituiti da elementi conduttori, i quali sono attraversati dalla corrente. Consentono di riscaldare il pavimento in maniera uniforme così come tutte le stanze della casa.
Vi sono differenti tipologie di riscaldamenti, come il riscaldamento elettrico a parete o il riscaldamento elettrico svedese.

Cos’è il riscaldamento elettrico a pavimento e come funziona

Il riscaldamento elettrico a pavimento ha un funzionamento a irraggiamento. Si ha la necessità di farlo installare da un personale esperto e viene posto al di sotto del pavimento. Successivamente si può scegliere la tipologia di rivestimento e normalmente si consiglia di selezionare un materiale che non si rovini facilmente con l’innalzamento della temperatura.
Si raccomanda quindi la scelta di legno o gres porcellanato, i quali sono molto amati non solo per il loro design ma anche per la loro resistenza alle temperature. Sono suggerite anche le piastrelle di pietra, ceramica e cotto.
L’impianto in questione è altamente consigliato in quanto innovativo e consente di risparmiare a lungo termine sulle bollette, senza rinunciare al comfort, soprattutto durante le stagioni più fredde.
Il calore viene distribuito uniformemente grazie alla presenza di una serpentina elettrica.

Riscaldamento a pavimento elettrico: pro e contro

L’impianto di riscaldamento elettrico presenta numerosi svantaggi e un solo svantaggio.
In primo luogo, si ha il beneficio dell’impatto estetico, ossia nullo. Tale caratteristica è molto vantaggiosa proprio perché non influisce affatto sull’arredamento scelto e si deve solo prestare attenzione alla tipologia di pavimentazione da installare in seguito.
Un secondo vantaggio consiste nella versatilità: infatti questo dispositivo è capace di adeguarsi a qualsiasi tipologia di pavimento, a condizione che non siano troppo spessi. Infine, l’ultimo vantaggio è il risparmio energetico, nonché il beneficio più importante: è possibile risparmiare fino al 20% in più rispetto al condizionatore e il 40% in più rispetto ai termosifoni classici.
Vi è un solo svantaggio, ossia i costi di installazione. Il riscaldamento elettrico a pavimento dev’essere necessariamente installato da personale esperto nel settore ma i costi sono alquanto elevati. Si consiglia quindi di considerare il prezzo iniziale come un investimento, in quanto si risparmierà per i seguenti anni di utilizzo.

temperatura acqua termosifoni

Qual è il riscaldamento elettrico che consuma meno

Il miglior riscaldamento elettrico a basso consumo è il riscaldamento elettrico svedese. Nello specifico, questi possono fungere senza ventole e utilizzano il meccanismo a irraggiamento.
L’assenza di ventole permette che non vi siano i moti convettivi dell’aria, i quali consentono la combustione di ossigeno, l’inaridimento dell’aria e la circolazione della polvere all’interno delle stanze. Questi dispositivi sono molto vantaggiosi in quanto non sono affatto invasivi e non richiedono degli interventi ai collegamenti elettrici o al muro. Fungono a bassa temperatura e sono caratterizzati da un loro termostato.
Hanno anche il vantaggio di spegnersi automaticamente così da eliminare possibili sprechi e il calore arriva uniformemente in tutte le stanze.

Vantaggi del riscaldamento elettrico

Il riscaldamento elettrico ha generalmente molti vantaggi, tra cui in primis il suo risparmio energetico. Questo aumenta ulteriormente se non si ha la necessità di riscaldare la casa ogni singolo giorno.
Sono inoltre presenti ulteriori benefici, come le spese di manutenzione straordinarie oppure ordinarie più contenute e nessun costo inerente alle caldaie o alla canna fumaria. Queste ultime spesso richiedono infatti molti interventi ma il riscaldamento elettrico non è provvisto di tali strumenti; pertanto, da principio vengono eliminati costi ingenti.
Inoltre, questi dispositivi sono meno propensi a guasti e rottura e possono funzionare per svariati anni.
Dal punto di vista della sicurezza invece, l’energia elettrica risulta molto più sicura rispetto a elementi gassosi quali GPL o metano. Questi ultimi infatti possono risultare esplosivi e richiedono molti più accorgimenti per il loro utilizzo, oltre a richiedere più soldi per la loro gestione. Sono inoltre molto tossici per l’essere vivente. Tali controindicazioni non sono invece presenti per il riscaldamento elettrico.

Contattaci

Contattaci senza impegno

Qualsiasi sia la tua esigenza contattaci senza impegno. Sopralluoghi e preventivi sono gratuiti.