fbpx

Riscaldamento Aziendale: l’importanza di avere un riscaldamento omogeneo

Feb 27, 2020 | Consigli, Installazione

Il riscaldamento aziendale deve servire generalmente dai piccoli ai medi/grandi volumi come: edifici industriali, piattaforme logistiche, magazzini di stoccaggio, palestre, stazioni, sale espositive, negozi, uffici, ecc

In un’azienda il riscaldamento richiede una grande quantità di know-how, di soluzioni adeguate e personalizzate per ogni esigenza. In effetti, ogni progetto ha vincoli diversi in termini di comfort, layout, risparmio energetico e sicurezza.

riscaldamento aziendale

Differenze di temperatura tra un ambiente e l’altro: da cosa dipende?

In inverno, quando i caloriferi lavorano incessantemente, anche per molte ore al giorno, ci si aspetta che gli uffici vengano riscaldati tutti in modo adeguato, raggiungendo la medesima temperatura. Nella realtà però non è sempre così, alcuni locali rimangono più freddi e umidi rispetto ad altri creando differenze di temperatura tra un ambiente e l’altro. Ma da cosa dipende? I fattori sono molti ma generalmente si può ricondurre molto all’esposizione alla luce naturale.

Posizione

Gli ambienti rivolti a Nord, per i quali durante la giornata non si ha un contatto diretto con la luce solare, rimangono più freddi. Questo causa molto spesso anche umidità e muffa, per spiegare brevemente, l’aria che si muove da una zona più calda ad una con temperatura inferiore, entrando a contatto con la superficie fredda, tende a condensare e a provocare muffa.

Dimensione

Un altro fattore che influenza la temperatura sono l’altezza dei locali o la grandezza della stanza. Se i vari ambienti hanno dimensioni diverse verranno riscaldati in maniera differente. Ovviamente, maggiore è il volume d’aria che deve essere riscaldato più grande sarà la richiesta di calore e di energia.

Numero di persone in una stanza

Un aspetto da considerare che influenza molto la temperatura dell’ambiente è il numero di persone che condividono uno spazio. Supponendo che la temperatura ambiente sia inferiore alla temperatura corporea, il calore umano influenza sicuramente la temperatura.

Il calore si disperde naturalmente fino a raggiungere un equilibrio. Quindi un corpo umano caldo agisce allo stesso modo di un radiatore. Il calore generato dal corpo umano riscalda l’aria che lo circonda. In una piccola stanza o in una con abbastanza persone questo si traduce in un notevole aumento della temperatura. Al fine di migliorare questo aspetto sarebbe preferibile tenere in considerazione gli spazi necessari ai lavoratori e cercare di omogeneizzare e dividere il numero dei collaboratori sulla base dei locali disponibili.

apparecchiature informatiche

L’aumento degli apporti di calore interno trasmesso dalle apparecchiature informatiche, ha portato ad una riduzione del fabbisogno di riscaldamento durante il periodo più freddo. Anche se spesso è un fattore sottovalutato, i computer, insieme agli altri sistemi informatici, dissipano nell’ambiente un’elevata quantità di calore. Un fattore importante da considerare quando si progetta l’impianto di riscaldamento aziendale.

fonti luminose

Oggi più che mai si cerca di sfruttare al massimo la luce naturale per illuminare le stanze, questo spiega anche il massivo utilizzo delle ampie vetrate negli edifici di nuova costruzione. Oltre alla luce naturale un forte contributo al riscaldamento è dato dalla luce artificiale. Nella definizione dell’impianto di riscaldamento si deve tenere in considerazione la percentuale di calore dissipato dalle luci in base al loro posizionamento.

fonti di calore in un ufficio

I problemi causati da un riscaldamento non omogeneo

Quando si verifica una forte variazione di temperatura tra una stanza e l’altra, le conseguenze sono molto rischiose, soprattutto in termini di risparmio di energia e salute.

Partendo dai problemi di salute, che rientrano tra le principali preoccupazioni di un imprenditore, si verificano quando il personale aziendale, che si reca da un ambiente più caldo a uno più freddo, rischia più facilmente di ammalarsi e raffreddarsi. Un danno importante da evitare sia per la salute dei propri collaboratori sia per ridurre le assenze prolungate.

Elemento da considerare sono gli sprechi di calore e di energia. Molto frequentemente capita che in alcune stanze la temperatura sale così tanto che si ha bisogno di aprire le finestre per far cambiare aria. Nella stessa struttura, magari a pochi metri di distanza, ci sono invece ambienti freddi che richiedono ancora calore. Indubbiamente questa situazione è il classico esempio di spreco di energia, di denaro e di malessere generale.

Come migliorare il riscaldamento aziendale?

Presi in considerazione questi fattori, quando si progetta un impianto di riscaldamento (ma anche di raffreddamento) occorre considerare questi aspetti. Se l’azienda presenta un riscaldamento non omogeneo, le prime cose da fare sono: verificare il corretto dimensionamento tra potere calorifico e grandezza della stanza ed installare, ove possibile, delle valvole termostatiche che consentono di regolare la temperatura in modo differente in ogni ambiente.

Ci sono casi in cui questo non è sufficiente. In alcune situazioni è doveroso dover effettuare dei lavori di coibentazione o sostituire l’impianto, perché non adatto o perché non funzionante correttamente.

Una consulenza energetica è importante per capire come migliorare l’omogeneità del riscaldamento e per ridurre gli sprechi. Migliorare il comfort termico significa guadagnare in produttività aziendale. Richiedi una consulenza gratuita!

Contattaci

Contattaci senza impegno

Qualsiasi sia la tua esigenza contattaci senza impegno. Sopralluoghi e preventivi sono gratuiti.